Politica

Quirinale, tempi supplementari

Tempi supplementari in attesa del miracolo. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dato altro tempo alle forze politiche intenzionate a fare accordi per governare. Il copione è quello già seguito dal suo predecessore Giorgio Napolitano, il quale dilatò al massimo i tempi per dare la possibilità all’allora segretario Pd …

Leggi tutto »

Spot su Mattarella, capitano di lungo corso

Le consultazioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella vedono oggi protagonisti i primi attori (e le prime attrici) della commedia-farsa intitolata “Un governicchio semibalneare”. La sofisticata collaudata democristiana ingegneria istituzionale dell’attuale inquilino del Colle non potrà costruire alcunché di solido. Anche se il tycoon di Arcore facesse un passo indietro …

Leggi tutto »

Nazimao e le due linee: balle

Insieme con la notizia infondata, secondo la quale noi di “Lotta di Popolo” fossimo dei “nazimao” e urlassimo “Hitler e Mao uniti nella lotta”, ne circolano parecchie altre. Qui mi fermo alla spaccatura che sarebbe avvenuta al nostro interno tra una linea “nera” ed una “rossa”. Così ne parla Alfredo …

Leggi tutto »

CasaPound può contare su 312.192 italiani

Sono stato deludenti i risultati elettorali di CasaPound? Per chi si aspettava una valanga di voti per improvvisa “illuminazione” di una parte d’elettorato, è ovvio che sì. Guardati con occhi aperti, quei dati sono di tutto rispetto. I ludi elettorali premiano gli atleti che hanno maggiore dimestichezza con il gioco. …

Leggi tutto »

L’unica rivoluzione è votare CasaPound

La storia della destra extraparlamentare, con tutte le sue varianti rossobrune, nazimaoiste, tradizionaliste e chi più ne ha più ne metta, è costellata di scontri, scazzi, scissioni, tradimenti, rappresaglie, infiltrazioni (inevitabili quando un movimento cresce in consenso e potenza). Tanto che, a Roma soprattutto, si è detto per decenni che …

Leggi tutto »

Ciascuno ha il proprio Rubicone

“Passare il Rubicone” qualche giornalista ancora lo scrive per sottolineare l’irrevocabilità di una decisione presa, per rimarcare che quel politico, quel governo, quel sindacato hanno fatto una scelta senza ritorno. Nel linguaggio corrente si usa sempre di meno. Lo stesso si può dire dell’altro modo di dire collegato “il dado …

Leggi tutto »

Crisi, l’Italia a pezzi perché ha troppa gente e pochi cittadini

Anni fa un film raccontava la storia di un pretore d’assalto (Ugo Tognazzi) che dava invano la caccia ad un industrialotto inquinatore (Vittorio Gassman). L’onesto magistrato riusciva a far condannare il disonesto capitalista, ma accusandolo di un reato che non aveva commesso. L’ecologico togato eliminava addirittura le prove dell’innocenza, sicché …

Leggi tutto »

G20: non uccidete Abele

Chi attacca una postazione difensiva è normale che ne cerchi il punto debole. Sfondate le difese in quel tratto è quasi automatico averla vinta. Ci sono stati assedi terminati con la resa per fame o con la sconfitta degli assedianti. Gli attacchi della speculazione finanziaria contro il nostro debito sovrano, …

Leggi tutto »

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close