Prima / 2013 / luglio

Archivi mensili: luglio 2013

Roma, blindata e scalcinata

Piazza del Parlamento a Roma è dominata dalla sede della Camera dei deputati. E’ il pezzo del Palazzo di Montecitorio che all’indomani della prima guerra mondiale fu eretto per ampliare l’edificio progettato e costruito alla fine del Seicento da Gian Lorenzo Bernini e da Carlo Fontana. I deputati entrano dall’altro …

Leggi tutto »

L’inutile filibustering dei cinquestelle

In Parlamento, i cinquestelle si sono scatenati. Hanno studiato il filibustering e lo stanno applicando con scrupolo. L’ostruzionismo parlamentare, però, è una bandiera che si agita per l’elettorato. In pratica ha un solo effetto: rafforza la maggioranza che siede al governo. Sarà così anche questa volta, nonostante uno dei due …

Leggi tutto »

Sull’evasione fiscale il compagno Fassina la pensa come Berlusconi: cosa succede?

Oggi, giovedì 25 luglio 2014, il viceministro dell’Economia Stefano Fassina ha dichiarato a un convegno di Confcommercio: «La pressione fiscale in Italia e’ insostenibile, c’e’ una relazione stretta tra pressione fiscale, spesa e sommerso, e c’e’ una evasione fiscale di sopravvivenza». Poi ha aggiunto: «Senza voler strizzare l’occhio a nessuno, …

Leggi tutto »

L’italiano per caso che difende le balene. Mah!

E’ diventato normale imbattersi in persone che si autodefiniscono “cittadini del mondo”. Uno dice: «Sono italiano per caso. Se fossi nato in Africa, sarei un negro». E’ orgoglioso, pronto a sfidare il mondo, convinto di essere un libero pensatore, uno spirito autonomo e proiettato nel futuro. Per essere un negro, …

Leggi tutto »

Napolitano a Berlusconi: confida nella Cassazione

Alla fine del mese, Silvio Berlusconi ha un appuntamento con la Cassazione. Sul capo del Cavaliere pende una condanna terribile. Se confermata, infatti, sarebbe espulso immediatamente dal Senato. Stamattina il presidente della Repubblica gli ha mandato un messaggio che non è arduo definire “rassicurante”. Giorgio Napolitano ha avvertito che «esitazioni …

Leggi tutto »

Se devono combattere i musulmani non digiunano

«Il Profeta interruppe il digiuno e partì per guidare di persona l’attacco»: scriveva cent’anni prima dell’anno 1000 al–Tabarī, il più grande annalista musulmano. E l’arabista Sergio Noja spiega in una nota: «Il diritto musulmano prevede l’interruzione del digiuno in caso di guerra, con l’obbligo di recuperare poi le giornate di …

Leggi tutto »

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close