Prima / Giuseppe Spezzaferro (pagina 30)

Giuseppe Spezzaferro

Mattarella tira fuori Cottarelli dal cassetto

Ecco l’annuncio ufficiale (incluse maiuscole e virgole fuori posto): «Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato per le ore 11.30 di oggi, al Palazzo del Quirinale, il Prof. Carlo Cottarelli». A mezzogiorno e mezza, il segretario generale Ugo Zampetti, faccione oramai noto al pari di un tronista, ha annunciato …

Leggi tutto »

Il governo Conte è abortito

Il governo Conte è abortito. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto alle 19 il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte. I corazzieri di sentinella si danno il cambio senza tante cerimonie. La coppia subentrante arriva saluta e prende il posto dei due uscenti. Sono facce già note. Si …

Leggi tutto »

Falcone ucciso dal finestrino aperto

Sulla bretella dell’autostrada Palermo-Mazzara del Vallo, andando verso Punta Raisi, all’aeroporto intitolato a Giovanni Falcone e a Paolo Borsellino, i due magistrati assassinati dalla mafia, si passa sul tratto che il 23 maggio del 1992, oggi sono ventisei anni, saltò in aria travolgendo l’auto sulla quale viaggiavano Falcone, la moglie …

Leggi tutto »

M5s-Lega, contratto per un uomo solo al comando

«Il presente contratto è sottoscritto: dal Signor Luigi Di Maio Capo Politico del “MoVimento 5 Stelle” e dal Signor Matteo Salvini Segretario Federale della Lega». Le ambiguità cominciano già dall’intestazione. Cosa significa “capo politico” e perché le maiuscole? Di Maio è forse un follower della teoria del fuhrerprinzip? Sotto sotto …

Leggi tutto »

Meotti, e fu subito Sionismo

Giulio Meotti, giornalista, ha scritto sul “Foglio” un astutissimo pezzo a favore di Israele. Ha elencato quelle quattro/cinque proteste nel mondo contro i killer israeliani che uccidono manifestanti palestinesi, concludendo con amara compunzione: «Tira brutta aria in occidente. Di abbandono del popolo ebraico». È abilissimo, il Menotti. C’è poco da …

Leggi tutto »

Nel 1992, il Corsera parlava dei nazimao del 1976!

L’etichetta “nazimaoista” ha circolato sui giornali anche parecchi anni dopo che noi avevamo sciolto “Lotta di Popolo”, l’organizzazione sulla quale era stato impresso nel Sessantotto il marchio di fabbrica “nazimao”. Come Sisifo continuo la fatica di mettere ordine tra le carte che pomposamente chiamo archivio, e stamattina dalla palude cartacea …

Leggi tutto »

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close