Prima / FOCUS / Geopolitica / La Nazione Argentina ha scelto Cristina

La Nazione Argentina ha scelto Cristina

La Nazione Argentina ha eletto presidente Cristina Fernandez de Kirchner. E’ la seconda volta che alla Casa Rosada va una donna: la prima fu nel 1974 con Isabelita che, alla morte del marito, Juan Domingo Perón, assunse la carica. Oggi è la moglie di Néstor Carlos Kirchner Ostoic, presidente uscente della Nazione Argentina. La “pinguina” della Patagonia (com’è chiamata senza malizia) ha battuto Elisa Carriò della Cc (Coalizione civica, un’alleanza di social-cristiani, liberali e socialisti), Roberto Lavagna di Una (Una nazione avanzata, coalizione tra peronisti e socialdemocratici) e gli altri 10 candidati di liste minori.

Cristina ha portato il partito del marito, il Fronte per la vittoria (peronisto-progressista), a raddoppiare i voti. La “primera dama” ha stravinto nelle campagne e nei piccoli centri ma ha segnato il passo nelle grandi città (a Buenos Aires, per esempio, ha vinto la Carriò con ben 10 punti di vantaggio. Oltre al presidente e al vicepresidente (Julio Cobos, Fpv), gli oltre 27 milioni di argentini erano chiamati a rinnovare la metà della Camera dei Deputati, un terzo del Senato e i governatori di 8 province (tutti andati al Fpv). La legge prescrive che chi, tra i candidati a presidente, raggiunge il 45% dei voti o il 40% ma con almeno dieci punti di margine, vince al primo turno e la Fernandez ha drenato il 44,5% con un vantaggio di 20 punti sulla Carriò, che perciò ha dovuto rinunciare alla speranza del ballottaggio.

Due parole vanno dette per spiegare perché, diversamente da tutti gli altri, non abbiamo parlato di Repubblica argentina, bensì di Nazione Argentina.

La Costituzione nazionale argentina (varata il 22 agosto del 1994) recita all’articolo 35: “Le denominazioni adottate successivamente dal 1810 fino ad oggi, segnatamente: Province Unite del Rio de la Plata, Repubblica Argentina, Confederazione Argentina, saranno da qui in poi nomi ufficiali indistintamente utilizzati per definire il governo e il territorio delle province, mentre si utilizzerà l’espressione ‘Nazione Argentina’ per la formazione e ratifica delle leggi”.

All’articolo 87 leggiamo: “Il Potere esecutivo della Nazione compete ad un cittadino, il quale assumerà il titolo di Presidente della Nazione Argentina”.

Vedi anche

Sono 70 anni che Israele stravince

Settant’anni fa, il 14 maggio del 1948, nacque ufficialmente il nuovo Stato di Israele. Oggi, …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close