Prima / FOCUS / Geopolitica / Pechino finanzia Washington

Pechino finanzia Washington

La crisi dei mutui subprime statunitensi è sostanzialmente crisi di liquidità, tant’è che molte banche centrali (Fed e Bank of England in testa) hanno fatto ai mercati grosse iniezioni di denaro fresco. E’ noto che il Paese che maggiormente sostiene il debito pubblico Usa è la Cina. Il deficit degli Stati Uniti era già nel 2003 finanziato per circa 83% dalle banche centrali e le banche asiatiche (capofila la Cina) detenevano in quell’anno oltre il 70% della liquidità statunitense. Quello che sembra ai più (e strategicamente non è sbagliato) il più grande “nemico” di Washington è da qualche anno in qua la cassaforte che contiene la maggior parte di debito statunitense (e quindi di credito). A conti fatti, il deficit degli Stati Uniti con la Cina è più di un terzo del totale. La notizia che la “China Construction Bank” punta a rastrellare 55,8 miliardi di yuan, pari a 7,4 miliardi di dollari, lanciando un’Ipo, cioè muovendosi per quotarsi in Borsa (lo sbarco sul listino di Shangai è previsto per il 26 settembre 2007) va letta nell’ambito di un “soccorso trasversale rosso”. La Ccb, seconda banca cinese, è controllata all’8,5% da Bank of America.

La commissione cinese di regolamentazione della borsa (China securities regulatory commission) ha detto che venerdì 7 settembre 2007 esaminerà il piano della banca che prevede un’offerta di 9 miliardi di azioni “domestiche”. Gli investitori temono una fuoriuscita di liquidità e una correzione nel breve termine dopo che Pechino ha consentito ai piccoli investitori di acquisire azioni sulla piazza di Hong Kong. Ma la crisi dei subprime preme.

Vedi anche

Immigrazione. I muri sono destinati a crollare

Le ciclopiche mura di Troia si rivelarono inutili contro l’inganno di Ulisse che aprì le …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close