Messico, il deserto di Sonora ricco di litio

LITIO. Il presidente del Messico pronto all’assalto degli Usa

Il presidente del Messico (Estados Unidos Mexicanos) Andrés Manuel López Obrador ha parlato degli incontri in atto con i governi di Argentina, Bolivia e Cile per creare una speciale cooperazione sul litio. Questi tre Paesi producono circa il 60% del litio disponibile attualmente al mondo. Obrador intende creare una sorta di cartello per impedire al potente vicino americano di mettere le mani su questo minerale fondamentale per l’energia del futuro. Sul litio si sta già combattendo (in sordina) una guerra imposta dalla geopolitica, come già per il petrolio e, in alcune regioni, per l’acqua. Il presidente degli Stati Uniti Messicani sta lavorando per mettere in sicurezza il litio di casa sua. Nel deserto di Sonora, c’è la riserva più grande al mondo: un giacimento con 3,5 milioni di tonnellate, 40 volte la quantità di litio che si è consumata nel 2021.

Il Congresso dell’Unione (il Parlamento) ha approvato cinque settimane fa un disegno di legge per nazionalizzare il litio. Saranno, pertanto, rafforzati i controlli sulle risorse minerarie strategiche e riesaminati tutti i contratti di sfruttamento del litio. Quasi in contemporanea, la Corte Suprema ha convalidato la legge sull’industria elettrica che Obrador ha voluto per limitare la proprietà privata nel settore dell’energia. Il litio sarà estratto da un’impresa statale.

Perché il presidente messicano sta lavorando per una sorta di OPEC del litio? Il fatto è che le tecniche e le tecnologie per l’estrazione e la lavorazione sono relativamente nuove per l’industria messicana per cui è preziosa la cooperazione con Argentina, Bolivia e Cile. Sarà organizzata, entro la fine di quest’anno, una conferenza regionale sul litio.

Nei prossimi giorni, Obrador incontrerà i presidenti di Guatemala (Alejandro Giammattei), El Salvador (Nayib Bukele), Honduras (Xiomara Castro) e Cuba (Miguel D¡az-Canel). Con loro non tratterà soltanto dei problemi legati ai flussi migratori.

 

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close