Lo donna protesta e indossa "la mascherina della privazione dei diritti". Sul cartello denuncia: "I politici lottano contro un virus: la verità"

VIRUS GERMANIA-ITALIA: 10 mila morti contro 37.059

I governativi, con l’autoproclamatosi avvocato del popolo in testa, ripetono senza posa il mantra confezionato nelle stanze di Palazzo Chigi: «Siamo stati i più bravi. Siano intervenuti per primi. Gli altri Paesi hanno imitato i nostri interventi…» e via declamando. Sono riusciti anche a convincere milioni di cacasotto che sono loro la parte sana, quella con maggior senso di responsabilità. «Insieme, vinceremo», proclama l’aspirante leader del prossimo partito del popolo Giuseppe Conte. Gli esperti assunti dai governativi fanno patriottici sforzi per non contraddirsi. Il contagio si diffonde perché i ragazzi si fanno una birra insieme, perché in famiglia non si rispetta il distanziamento (https://internettuale.net/4207/iss-la-famiglia-e-contagiosa-mascherine-anche-a-casa) , perché a scuola i banchi a rotelle sono fuori controllo, perché troppi se ne vanno in giro, invece di starsene rintanati in casa. Loro, i governativi, sono attenti e coscienziosi, i cattivi sono gli “untori”, come al solito. Tra “la solita grida” e i “dagli all’untore”, si ripropone pari pari lo scenario seicentesco raffigurato da Alessandro Manzoni ne “I promessi sposi” (romanzo che gli insegnanti pedanti si applicano a far odiare, mentre è una miniera di umorismo, satira, sfottò e caricature, oltre che di santi e diavoli).

Chiusure parziali e totali, coprifuoco, mascherine obbligatorie anche sulla spiaggia deserta di Rocca Imperiale, denunce e multe… insomma il “factotum della nazione” canta “Figaro qua, Figaro là, Figaro su, Figaro giù” indossando la maschera seriosa di chi sa il fatto suo e la mascherina regolamentare di chi dà il buon esempio.

S’impongono, però, alcuni fatti incontrovertibili che gli addetti ai lavori, sia politici-politicanti che politici-esperti, coprono di disattenzione nella speranza che spariscano.

Prendiamo il caso della Germania. I residenti in quel Paese sono, secondo i dati del 2019, 83,02 milioni. Lo stesso anno in Italia se ne contano 60,36 milioni. In Germania ci sono quasi 23 milioni di residenti in più che in Italia. Logica vorrebbe che la malattia da coronavirus avesse fatto più danni lì che qui.

A Berlino, c’è preoccupazione perché è stata superata la soglia dei 10 mila morti dall’inizio della pandemia, mentre le infezioni assommano a 403.291.

In Italia? dove si contano 23 milioni di persone in meno rispetto alla Germania? A contrarre il virus Sars-CoV-2 sono state 484.869 persone e i morti 37.059. Ventisettemila più che in Germania.

Non si capisce come mai il Paese, che è stato il primo a condannare la popolazione agli arresti domiciliari e che ancora impone a tutti la libertà vigilata, debba contare più infezioni e più morti. Forse i governativi hanno sbagliato tutto. E continuano a sbagliare.

In Germania, la seconda ondata è pesante come dappertutto. La Kanzlerin Angela Merkel ha dichiarato: «Abbiamo imparato molto e abbiamo superato bene l’estate» e, giacché gli esperti tedeschi temono che la Germania potrebbe dover contare 19.000 nuovi casi al giorno entro la fine dell’anno, ha escluso il lockdown generalizzato anticipando che saranno presi provvedimenti localmente e individuando i singoli focolai. La Kanzlerin ha anche indicato come prevenzione l’abitudine a “stoßlüften” ventilare, aprire le finestre per cambiare l’aria. Pare che in Germania “stoßlüften” sia previsto nei contratti d’affitto per evitare muffe e combattere l’umidità.

Purtroppo per il business mascherine/disinfettanti/guanti, spalancare le finestre non è pratica lucrosa. E perciò nessun governativo italiano la consiglia.

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close