Prima / Guerre / YEMEN Le locuste affamano la popolazione

YEMEN Le locuste affamano la popolazione

Ci mancavano le locuste! Il richiamo alle “spiegazioni” di John Belushi nel film “The Blues Brothers” è inevitabile, ma non c’è purtroppo niente da ridere. Non bastava che lo Yemen fosse fatto a pezzi da una guerra che, pudicamente, molto pudicamente, i media definiscono “civile” mentre è un conflitto scatenato dall’Arabia Saudita e dagli Usa dietro il paravento; ora le piogge stanno moltiplicando le zone di riproduzione delle locuste del deserto. Gli esperti prevedono un calo di produzione di cereali a 365 mila tonnellate, cioè a meno della metà dei livelli anteguerra.

Tra questo mese e il prossimo Natale, il 40% della popolazione sarà a rischio fame. Lo dicono i rapporti di agenzie internazionali come la Fao e l’Unicef.

Ai cinque anni di guerra si sommano l’invasione di locuste e l’irruzione della Covid-19. La crisi economica è ormai endemica: la moneta locale, il riyal yemenita, va a picco: 1.000 riyal equivalgono a circa 3 euro.

Sono sei anni che le forze governative, sostenute da Riyad e Washington, tentano inutilmente di soffocare la ribellione degli Houthi, i quali pezzo dopo pezzo sono arrivati a controllare l’intero Yemen settentrionale.

Sullo sfondo c’è l’antica rivalità tra sciiti e sunniti, ma questa guerra sfavorisce l’influenza americana sul Mar Rosso e il Golfo di Aden, cioè sul traffico marittimo soprattutto di petroliere.

Con più di 4 milioni di sfollati e 250mila morti (su 28 milioni di yemeniti), questa è una guerra che non smuove le “coscienze democratiche” perché non minaccia di allargarsi. Resta confinata in quell’area senza alcuna possibilità di fare da detonatore per un conflitto che veda i veri protagonisti scendere in campo in prima persona. L’Iran, che è a forte maggioranza sciita, mostra simpatia verso i correligionari yemeniti, ma non può fare più di tanto. Teheran è già sotto attacco statunitense (mediatico, economico e militare) che, con la presidenza Trump strettamente legata ad Israele, si sta aggravando in una pericolosa escalation.

Le agenzie dell’Onu stanno intervenendo in Yemen per fronteggiare la fame e la pandemia Covid-19, ma la pace nella regione è cosa che va decisa ai “piani alti” della geopolitica.

 

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close