Prima / FOCUS / Documenti / I nuovi elicotteri della Leonardo vanno veloci in Parlamento

I nuovi elicotteri della Leonardo vanno veloci in Parlamento

C’era un imbianchino che lavorava canticchiando una lenta canzone d’amore. Il pennello andava su e giù con romantico andamento. Il padrone gl’impose di cambiare musica e passare alla marcia dei bersaglieri. Seguendo il nuovo ritmo, il pennello lavorò più alacremente. In Parlamento è lo stesso. L’andamento normale è il classico lento; di tanto in tanto i lavori vanno a passo di marcia. Quale sia il “padrone” che di volta in volta impone il cambio di musica, non è difficile individuarlo.

Lo scorso 21 novembre, (soltanto 8 meso fa) dal Parlamento arrivò il via libera per l’acquisto di nuovi elicotteri destinati all’Aeronautica militare, all’Esercito ed all’Arma dei Carabinieri. Giorni fa, “Leonardo” (una delle più grandi imprese di difesa al mondo) ha consegnato all’Esercito il primo dei due elicotteri AW169 per l’addestramento che permette di preparare gli equipaggi per il futuro passaggio operativo sul nuovo elicottero multiruolo avanzato Light Utility Helicopter (LUH).

Il programma LUH ha l’obiettivo di sostituire gli elicotteri A109, AB206, AB205, AB212 e AB412 oramai obsoleti. Inoltre, il nuovo modello avrà piena interoperabilità con altri assetti in ambito Nato. La fornitura è passata sotto la voce “Acquisizione di 17 elicotteri HH-139 per l’adeguamento della linea ricerca e soccorso dell’Aeronautica Militare”. In effetti, il programma è finalizzato a rinnovare e razionalizzare la flotta degli Elicotteri da Supporto al Combattimento (ESC) dell’Esercito, mediante l’acquisizione di una piattaforma di nuova concezione che permetta di colmare il gap  con mezzi in grado di assicurare 10.000 ore volo cioè una “vita tecnica” non inferiore a 30 anni, di garantire comunicazioni radio bilaterali e la trasmissione di dati/ immagini con le altre unità presenti sul terreno, nonché di assicurare la necessaria versatilità per impieghi in scenari diversi.

La tipologia di elicottero è media-leggera, l’equipaggio può essere costituito da 1-2 piloti più 10 passeggeri; ha due turbine e la velocità massima è di 296 Km/h. Il programma è inserito nel Documento programmatico pluriennale della difesa 2019-2021 tra quelli in avvio nel 2019. La spesa complessiva, da ripartire negli anni, è di circa 2 miliardi e 200 milioni di euro.

I 17 elicotteri Leonardo LHD HH-139 servono all’adeguamento della linea Search and Rescue (capacità di ricerca e soccorso) e Slow Mover lnterceptor (capacità di intercettazione di aeromobili a bassa quota e velocità).

I programmi elicotteristici approvati dal Parlamento sono finalizzati a dotare il 15° Stormo dell’Aeronautica militare dei mezzi necessari per interventi contro la minaccia terroristica di piccoli velivoli obbligati a dirottare, oltre che per la ricerca e il soccorso in mare e in montagna, per la lotta agli incendi boschivi e interventi analoghi. Non va dimenticato che il 15° Stormo si è specializzato “Combat SAR”, cioè in ricerca e soccorso di personale in territorio nemico.

I due addestratori AW169, che permetteranno di familiarizzare con le caratteristiche di base della piattaforma durante lo sviluppo del nuovo LUH, vengono forniti con un supporto logistico “chiavi in mano” completo e un pacchetto di addestramento per pilota/manutentore. “Leonardo” ha consegnato il primo dei due elicotteri bimotore durante una cerimonia ufficiale tal 2° Rgt. AVES ‘Sirio’ con sede a Lamezia Terme. Il secondo UH-169A dovrebbe essere consegnato nei prossimi mesi (le sigle mutano per ragioni militari).

 

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close