Prima / ATTUALITÀ / Politica / Venezia-Taranto. Conte si candida a Lord Protettore d’Italia

Venezia-Taranto. Conte si candida a Lord Protettore d’Italia

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è candidato a Lord Protettore e Conducator d’Italia. Le disgrazie causate da politicanti e magistrati alle città di Venezia e di Taranto sono magnifiche opportunità per esercitare il decisionismo risolutore che furono di Cromwell a Londra e di Ceausescu a Bucarest. Va tra operai e politici locali a promettere soldi e immediate soluzioni. Fa le facce giuste al momento giusto: accorata, partecipe, commossa, decisa, arrabbiata… è proprio il caso di dire che una ne dice e cento ne fa (di facce).

Gli consentiranno i suoi amici e alleati di surclassare tutti e imporsi all’attenzione delle italiche genti come già fece Silvio Berlusconi negli Anni Novanta del secolo scorso e in questi anni sta provando inutilmente a fare Matteo Salvini? Certo è che questo avvocato-professore è stato sottovalutato parecchio. Da Salvini in primis. Il capo leghista, infatti, fu sorpreso e fregato dalle sue performance nel teatrino politico. Poi, dalla brutta accoppiata Zingaretti-Di Maio. I due avevano basato il loro incesto sulla ingenuità dell’accademico-leguleio e adesso hanno difronte un onnipresente commesso viaggiatore del tutto incontrollabile. Dal canto suo, il vecchio democristiano Sergio Mattarella, attuale inquilino nel palazzo di Monte Cavallo, s’è subito schierato a fianco del presidente del Consiglio (che tutti chiamano premier e non si capisce perché) uscente aiutandolo a fare il bis.

Perché le tragedie di Venezia e Taranto sono il combinato disposto di politicanti e magistrati? Pur senza conoscere le secrete cose sotterranee di ambedue le vicende, si possono elencare dei fatti che denunciano le colpe di toghe e politicastri.

Il Vecchio Testamento racconta che Mosè fece attraversare il Mar Rosso ai migranti israeliti senza che si bagnassero i piedi. Le cronache italiane raccontano che il Mose (acronimo di Modulo sperimentale elettromeccanico) non ha fermato l’acqua alta nella Laguna. Contro il marchingegno (datato 2002) inventato a scudo di Venezia è stata condotta una guerra continua. Come sempre accade in Italia da decenni, i concorrenti e gli avversari politici si rivolgono alla magistratura per vincere o semplicemente per bloccare il fronte opposto. I magistrati si buttano a pesce in nome della giustizia etcetera ecceterone. Morale: i lavori vengono bloccati in attesa di “fare luce” (in effetti si spengono pure i lumini), fioccano le denunce e gli arresti, arrivano i commissari straordinari che di straordinario hanno soltanto i loro compensi e aumentano costi e spese varie. Tutto va bene finché non arriva l’acqua alta ad annegare i fruttuosi giocherelli. Conte interviene e promette il rapido completamento dei lavori ed immediati rimborsi ai danneggiati.

Quello di mettere di mezzo i tribunali per non darla vinta ai vincitori di un appalto è un vecchio vizio legittimato dai codici. Sarebbe sufficiente una legge che garantisse la prosecuzione dei lavori in corso nonostante denunce e arresti. Nei Paesi civili si fa così. Se al termine di indagini e processi, i vincitori di un appalto risultano colpevoli sborsano quattrini a palate e l’opera compiuta viene intestata agli imprenditori ricorrenti. Fare giustizia è cosa nobile e doverosa. Anche portare a termine i lavori di un’opera di pubblico interesse è cosa nobile e doverosa. Perciò, mentre i magistrati indagano e arrestano, i lavori debbono continuare.

A Taranto, l’intromissione della magistratura è stata ancora più terribile. Basti citare il fatto che migliaia di tubi già fatti e venduti in attesa di spedizione sono stati sequestrati come “corpi di reato”. La società ha perso i soldi della vendita, i clienti si sono rivolti altrove, i debiti sono aumentati e la giustizia cosa ci ha guadagnato? Piazzali affollati di manufatti. A rigore di codice, il coltello usato per uccidere è corpo di reato: a volte serve perfino a identificare l’assassino. I tubi prodotti dall’Ilva avevano un “colpevole” acclarato e non necessitavano di alcuna indagine dattiloscopica.

L’opinione che certi magistrati agiscano con l’obiettivo di avere spazio sui media e, spesso, di procurarsi un cadreghino si diffonde vieppiù tra la gente. E questa è un’altra picconata data al palazzo di giustizia.

Il presidente Conte si sta muovendo nella direzione giusta e in un momento nel quale la gente sta lì lì per scoppiare. Non soltanto a Venezia, a Taranto, a Matera o a Roma, il peso del mostro bicefalo politicanti-magistrati è diventato insopportabile. È tutta l’Italia che chiede uno stop all’andazzo ricorrente e un nuovo inizio. Questo Conte l’ha capito intraprendendo la strada dell’uomo forte e risoluto al comando. Un bel mix di Cromwell e Ceausescu.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close