Prima / ATTUALITÀ / Politica / Sottosegretari. Conte s’è tenuta la delega ai Servizi segreti
In alcune ore della notte il cortile di Palazzo Chigi è deserto

Sottosegretari. Conte s’è tenuta la delega ai Servizi segreti

Conte ce l’ha fatta. Ha dimostrato a Matteo Salvini, il quale insisteva con il mantra “litigano per le poltrone”, che lui è a capo di un governo serio e dedito ai supremi destini dell’Italia. Prendendosi la delega ai Servizi segreti, ha messo fine al braccio di ferro Pd-Cinquestelle (e sarà lui il depositario di segreti&affini). A conti fatti, anche se la delega all’Editoria (l’altro corno del problema) se l’è presa il Pd (Andrea Martella è un collaudato funzionario di partito), i Pentastellati hanno rastrellato la maggioranza dei sottosegretari e dei viceministri. Il Pd ha dovuto accettare che “Leu” ne avesse due. Agli Esteri è stato confermato Riccardo Merlo del “Maie”, il Movimento associativo degli italiani all’estero da lui fondato in Argentina (dietro c’è tutta una storia di litigi e ripicche che mi ricordano quelle che sfasciarono il partito dei pensionati).

In contanti: dei 42 nominati a Palazzo Chigi e che giureranno lunedì prossimo, i viceministri sono 10 (6 al M5s e 4 al Pd): Antonio Misiani (Pd) e Laura Castelli (M5s) all’Economia; Stefano Buffagni (M5s) allo Sviluppo economico; Marina Sereni (Pd) e Emanuela Del Re (M5s) agli Esteri; Giancarlo Cancelleri (M5s) alle Infrastrutture; Pierpaolo Sileri (M5s) alla Salute; Anna Ascani (Pd) all’Istruzione; Matteo Mauri (Pd) e Vito Crimi (M5s) all’Interno.

Ed ecco i sottosegretari:

Rapporti con il Parlamento, Simona Malpezzi (Pd) e Gianluca Castaldi (M5s);

Affari europei, Laura Agea (M5s);

Esteri, Ivan Scalfarotto (Pd), Manlio Di Stefano (M5s) e Riccardo Merlo (Maie);

Interno, Achille Variati (Pd) e Carlo Sibilia (M5s);

Giustizia, Vittorio Ferraresi (M5s) e Andrea Giorgis (Pd);

Difesa, Angelo Tofalo (M5s) e Giulio Calvisi (Pd). Li vedremo presto all’opera per la faccenda “Tempest” (https://internettuale.net/3428/sottosegretari-attenzione-al-tempest-che-vola-sul-governo);

Economia, Pierpaolo Baretta (Pd), Alessio Villarosa (M5s) e Cecilia Guerra (Leu);

Sviluppo economico, Alessandra Todde (M5s), Mirella Liuzzi (M5s), Gianpaolo Manzella (Pd) e Alessia Morani (Pd);

Politiche agricole, Giuseppe L’Abbate (M5s);

Ambiente, Roberto Morassut (Pd);

Infrastrutture, Roberto Traversi (M5s) e Salvatore Margiotta (Pd).

Lavoro, Stanislao Di Piazza (M5s) e Francesca Puglisi (Pd).

Istruzione, Lucia Azzolina (M5s) e Giuseppe De Cristofaro (Leu).

Cultura, Anna Laura Orrico (M5s) e Lorenza Bonaccorsi (Pd).

Salute, Sandra Zampa (Pd);

Programmazione economica e investimenti, Mario Turco (M5s);

Editoria, Andrea Martella (Pd). Questa è una poltrona “pesante” perché è il riferimento (soprattutto economico) di tutto il mondo dell’informazione.

 

 

 

 

 

 

 

CONDIVIDI

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close