Prima / ATTUALITÀ / Politica / Eritreo-killer. In Germania cresce il razzismo alla rovescia

Eritreo-killer. In Germania cresce il razzismo alla rovescia

In Germania, nella metro di Francoforte, un immigrato eritreo ha spinto sotto il treno due persone e un bambino. Nel momento in cui scrivo, la polizia non ha dato spiegazioni. Pare che l’omicida (la bambina è morta) non parli.

Che fare per rendere più sicuro viaggiare sui mezzi pubblici? Dovrebbe essere questo il nodo del dibattito. Invece no. Si è scatenato un putiferio sui media perché il crimine commesso dall’eritreo aumenterebbe il tasso antimmigrazione fra i cittadini tedeschi. Quindi? Basterebbe non citare l’origine etnica dei criminali colti sul fatto. Torna la censura. E delle peggiori perché si ammanta di nobili motivi.

Stiamo passando dalla fase durante la quale è stato vietato chiamare zingaro lo zingaro, negro il negro, ricchione il ricchione e via edulcorando, ad una fase nella quale sarà vietato citare l’etnia di un assassino o l’orientamento sessuale di un violentatore.

Il fatto è che per lorsignori, cioè per quelli che siedono in alto, il cittadino-elettore-consumatore-utente-cliente è in fin dei conti un mentecatto. È un ignorante stupido presuntuoso che può essere manipolato con estrema facilità. Finché a strumentalizzarlo è il ceto politico dominante va tutto bene: è politicamente corretto. Se interviene un terzo non autorizzato dal cosiddetto ordine costituito, allora scattano i provvedimenti restrittivi.

I tedeschi lavorano come muli, stanno attenti al marco (oggi euro), pagano le tasse, cercano di vivere al meglio, ma è sufficiente che un eritreo ammazzi una bambina senza una ragione apparente (ovviamente nessun motivo potrebbe legittimare quell’omicidio) per scatenarli in un pogrom razzista. Se le cose stanno così, tutta l’Europa in breve diventerà xenofoba. I soloni che pensano di risolvere la faccenda censurando le origini etniche dei criminali non si rendono conto di favorire un razzismo alla rovescia che si scaglierà contro di loro come un boomerang di un aborigeno. Ahi!, si deve dire di un australiano? A Roma un carabiniere è morto a causa di due giovinastri americani a caccia di droga. Arriverà un ukase per cui non si potrà più dire che sono americani? Due turisti, si dirà senza aggettivi.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close