Prima / FOCUS / Documenti / 50°LdP. A Milano l’avanguardia rivoluzionaria per l’Europa

50°LdP. A Milano l’avanguardia rivoluzionaria per l’Europa

Uno dei gruppi di Lotta di Popolo più prolifico in documenti e analisi fu quello di Milano. Come ho avuto modo di sottolineare, non eravamo un Movimento strutturato e organizzato. Non c’era una burocrazia piramidale alla quale fare capo. Avevamo fatto dei tentativi (https://internettuale.net/3290/50-lotta-di-popolo-a-pescara-il-primo-congresso-nazionale) perché avvertivamo l’esigenza di una “sistemazione”, ma al tempo stesso non ne sentivamo l’urgenza in quanto tutti noi viaggiavamo sulla stessa lunghezza d’onda e non c’era necessità di imporre “parole d’ordine”. Da Milano, per esempio, ci arrivavano ciclostilati e stampati sul contenuto dei quali ci trovavamo sostanzialmente d’accordo (per le sfumature da eliminare scrivemmo poi il manifesto…) senza averne discusso prima. Era un lavoro continuo di energie e intelligenze che portava vigore alla lotta di popolo come fine della lotta politica e non come semplice sigla da pompare.

Di un documento intitolato “Linee per una lotta rivoluzionaria”, ciclostilato nell’ottobre del 1970 nella sede di Via De Amicis a Milano, riporto la pagina incentrata sull’Europa e sulla rivoluzione culturale necessaria. Ho lasciato le maiuscole e le sottolineature presenti nell’originale (il fucile d’assalto in copertina era evocativo del Terzo Mondo e non di una lotta armata in Italia).

«NELLA PRESENTE SITUAZIONE STORICA L’UNICA REALTA’ RIVOLUZIONARIA CHE SIA IN GRADO DI AFFRONTARE E SCONFIGGERE IL CAPITALIMPERIALISMO, E DELINEARE LA FORMAZIONE DI UNA SOCIETA’ RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DELL’UOMO E’ COSTITUITA DA UN’EUROPA LIBERATA ED EDIFICATA ATTRAVERSO UNA LOTTA DI POPOLO.

Un’Europa che trovi la sua unità nella maturazione e nella convergenza rivoluzionaria dei Popoli Europei: non Terzo Blocco teso a farsi terzo imperialismo, ma forza-guida di tutti i popoli oppressi e sfruttati, volta a spezzare la Santa Alleanza sovietico-statunitense ed a liberare l’uomo dalla sopraffazione del denaro e del tecnicismo asservito all’Usura.

LA LOTTA DELLE AVANGUARDIE RIVOLUZIONARIE NEI PAESI EUROPEI DEVE PERCIO’, COLLEGANDOSI ALLA LOTTA DI POPOLO NEL TERZO MONDO, TENDERE CON OGNI MEZZO A TROVARE IL SUO SBOCCO NELLA LOTTA DI POPOLO IN EUROPA.

Per giungere a questo non serve lanciare proclami, né chiudersi nella sterile idolatria di schemi inteIlettuaIistici avulsi dalla realtà storica attuale – ma è necessario AGIRE, pertinacemente ed in ogni luogo, attraverso le contraddizioni ed i punti deboli del sistema per accelerarne la crisi permanente.

L’Avanguardia Rivoluzionaria nasce dalla realtà di un tipo umano non ancora “integrato”, cresce sulla realtà delle opposizioni extraparlamentari, e si organizza nella realtà e nel corso della lotta di tutti gli individui “consapevoli” e “responsabilizzati”.  

E’ capitaIe che l’Avanguardia Rivoluzionaria abbia sempre presente e ferma la nozione del pericolo rappresentato dalle infinite capacità di assorbimento e strumentalizzazione della società borghese nei confronti dei fermenti contestativi e ribellistici: se non vuole fare il gioco del sistema l’Avanguardia Rivoluzionaria non deve cercare di imitare la “democrazia” (come hanno fatto i riformisti pseudo-rivoluzionari); né invocare la “democrazia” (come hanno fatto i ribelli); né tanto meno inserirsi nella “democrazia” (come hanno fatto gli intellettuali populisti ed i sindacati servi del capitalismo).

IL PROBLEMA FONDAMENTALE STA NELL’ESTIRPARE IL COSTUME MENTALE IMPOSTO DALLA FILOSOFIA E DALLA “CULTURA” BORGHESE, NEL RIFIUTARE I SUOI LOGORI MITI E NEL NEGARE FEDE ALLE SUE FALSE VERITA’».

A differenza dei compagni di lotta di Milano, io (e non soltanto io) non ritenevo possibile la distruzione immediata del sistema fondato sul capitalismo. A mio parere, bisognava attraversare delle fasi intermedie partendo dall’autogestione delle imprese. Dopo una serie di incontri e dibattiti, ricordo che anche a Milano si convinsero di una strategia più “praticabile”. Mi piacerebbe se qualche milanese facesse risentire la propria voce. Io di nomi non ne faccio, stiano tranquilli.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close