Prima / ATTUALITÀ / Politica / Misteri d’Italia. Lofoco e Adinolfi a confronto sul caso-Moro

Misteri d’Italia. Lofoco e Adinolfi a confronto sul caso-Moro

Nicola Lofoco, giornalista e ricercatore storico, nega assolutamente la presenza di servizi segreti stranieri dietro il rapimento e l’omicidio di Aldo Moro. Il leader democristiano, tenuto prigioniero 55 giorni e poi ucciso dalle Brigate Rosse nel 1978, è tuttora al centro di uno dei tanti misteri d’Italia continuamente riraccontati e mai definitivamente chiariti. Tutta la verità sul caso-Moro è ancora da scoprire: i memoriali dei brigatisti, le ricostruzioni dei giornalisti, i rapporti di numerose polizie e di una decina di servizi segreti affastellano ipotesi e fatti molti dei quali si smentiscono a vicenda. La verità è che i punti acclarati sono pochi.

Per questo, il confronto tra Gabriele Adinolfi, “terrorista nero”, e il citato Lofoco ha fatto emergere alcuni elementi che negli anni non hanno avuto, come altri, l’attenzione ossessiva dei media.

Per Lofoco non ci fu nessun intervento esterno e tutto è da addebitarsi alle Brigate Rosse e all’impreparazione delle forze dell’ordine. Di tutt’altro parere Adinolfi, che negli ultimi anni si è dedicato alla stesura di romanzi storici nei quali il tasso di verità compete con la vena letteraria. Ci fu un’eterodirezione dei brigatisti, ma disordinata: Adinolfi la vede come una cooperazione non pienamente riuscita. Le coincidenze più che sospette sono parecchie: il covo di via Gradoli, per esempio, era gestito dagli 007 di casa nostra; la strana rimozione del questore Migliorini oppure l’accentramento delle indagini nelle mani degli stessi futuri depistatori della strage di Bologna… insomma c’è da riflettere: e non poco.

Adinolfi, il quale – e questo non va dimenticato – diede vita a Terza Posizione, un’organizzazione extraparlamentare marchiata come “terrorista”, ha elencato i messaggi in codice lanciati nel corso di quei 55 giorni (Gradoli, Civitella Paganica, Lago della Duchessa) i quali indicavano il luogo dov’era prigioniero Moro e dove venne ucciso. E dov’era? A meno di cento metri dal luogo in cui fu ritrovato il cadavere, come è attestato da una perizia del Tribunale di Roma risalente a quell’anno. Una perizia che delineava con precisione un magazzino di stoffe nel ghetto romano.

Le divergenze tra i due relatori si sono rivelate fortissime durante il dibattito. Per Lofoco, pe esempio, la nota Hypérion di Parigi, che aprì una succursale nel ghetto romano subito prima del rapimento Moro e che chiuse immediatamente dopo, era solo una scuola di lingue e il Superclan diretto da Corrado Simioni e Duccio Berio, e di cui faceva parte Mario Moretti, non ebbe un ruolo rilevante. Per Adinolfi invece esso s’impadronì dal 1974 della direzione della lotta armata e Hypérion fu un autentico crocevia di formazioni guerrigliere e di servizi dell’est e dell’ovest: inglesi, francesi, israeliani, tedesco-orientali.  Dissenso totale tra i due relatori anche sulla figura di Igor Markevitch, il direttore d’orchestra sospettato di essere l’uomo che interrogò Aldo Moro. Per Adinolfi il ruolo di Markevitch, e del cognato Hubert Howard, direttore del servizio americano di guerra psicologica, è stato centrale fin dagli anni quaranta, quando si stabilirono cooperazioni tra agenti angloamericani e partigiani rossi.

E perché fu ucciso Moro? Lofoco, ex collaboratore dell’Unità, il quotidiano comunista un tempo bibbia degli operai, punta il dito contro le diseguaglianze e mette la vicenda Moro tra gli effetti dello scontro sociale, l’autunno caldo etc., per Adinolfi fu la politica di Moro, più volte presidente del Consiglio dei ministri e ministro degli Esteri, giudicata troppo lontana da Israele perché sosteneva l’autodeterminazione del popolo palestinese.

Il dibattito, svoltosi a Roma, alle Edizioni Pagine, e introdotto da Egidio Eleuteri, Daniela Pozone e Fabrizio Federici, ha visto i due protagonisti trovarsi d’accordo su un fatto: l’allora ventilato compromesso storico non fu la causa scatenante, non fu l’innesco che fece esplodere il caso-Moro.

 

Vedi anche

Elezioni in Grecia. Sconfitta della sinistra e di “Alba Dorata”

Grande scandalo negli ambienti del “politicamente corretto” per la vittoria in Grecia del partito di …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close