Prima / ATTUALITÀ / Politica / Molise, vince Berlusconi. Stop ai Cinquestelle

Molise, vince Berlusconi. Stop ai Cinquestelle

Ha vinto il centrodestra e Silvio Berlusconi riprende fiato. Il risultato elettorale del Molise ha immediata influenza sulle manovre per la costruzione del governo nazionale. La legge regionale ha consentito di assegnare subito la vittoria. Il sistema di voto proporzionale con premio di maggioranza garantisce, infatti, la governabilità: il candidato che prende più voti è sicuramente governatore e il “premio” (12 consiglieri su 20) lo libera dalla necessità di fare alleanze, coalizioni e inciuci vari.

L’affluenza era stato il primo segnale: alle regionali del 2013 i votanti erano stati 204.859 su 332.379 aventi diritto e cioè il 61,63%.

Ai 394 seggi (aperti domenica dalle 7 alle 23) dei 136 Comuni delle due province di Isernia e di Campobasso, sono stati chiamati al voto 313.253 cittadini (162.936 uomini e 168.317 donne): hanno votato in 172.791 e cioè il 52,16%.

Nonostante l’impegno dei big nazionali, la profusione di promesse e feste e festicciole d’ogni genere, è andata a votare poco più della metà dei molisani aventi diritto. Va detto che in 78.025 sono residenti all’estero, i quali possono votare alle politiche e non alle regionali. In ogni caso, i cinquestelle non sono riusciti a mobilitare l’elettorato come si aspettavano tutti.

I risultati ottenuti dai partiti non è possibile confrontarli, se non per sommi capi, con quelli presenti nel 2013: parecchie formazioni (a cominciare da quella di Antonio Di Pietro) sono sparite. Possiamo confrontare il dato del Pd che allora ebbe 24.892 voti, del Movimento 5 stelle cui andarono 20.437 voti (ma il candidato Federico Antonio ne prese ben 32.200), di Unione per il Molise (11.022 voti), Unione di Centro (10.514). Aspetto i dati ufficiali del Viminale per fare raffronti esatti.

La lista di CasaPound presente per la prima volta non si è nemmeno avvicinata alla soglia di sbarramento (8% per quanto riguarda le coalizioni e 3% per le singole liste).

I dati delle affluenze diramati dal ministero dell’Interno facevano sperare in una partecipazione più massiccia. A mezzogiorno, i votanti sono stati 50.247 pari al 15,17%.

Alla stessa ora nelle consultazioni regionali del 2013 aveva votato il 9,71% degli aventi diritto. Alle ore 19, i votanti erano stati 129.125 pari al 38,98%. Alla stessa ora, la volta scorsa aveva votato il 32,96% degli aventi diritto. Poi c’è stato il crollo e alla chiusura dei seggi, è stata registrata una percentuale di non votanti del 9,47% inferiore al dato di cinque anni fa.

Ecco di seguito i quattro candidati alla presidenza del Molise e i partiti che li appoggiavano (riporto le liste così come erano elencate sulla scheda elettorale):

Carlo Veneziale (Il Molise di tutti, Molise 2.0, Liberi e Uguali per il Molise, Unione per il Molise, Partito Democratico);

Donato Toma (Popolari per l’Italia, Il popolo della famiglia, Giorgia Meloni-Fratelli d’Italia, Movimento Nazionale per la Sovranità, Lega-Salvini-Molise, Forza Italia-Berlusconi, Molise- Unione di Centro, Orgoglio Molise, Iorio per il Molise-Noi con l’Italia);

Andrea Greco (Movimento-Ilblogdellestelle.it). Era stato scelto con un voto online degli attivisti: 212 preferenze (Patrizia Manzo, l’alternativa, si era fermata a 154 voti) ed era il grande favorito in base al 44,79% ottenuto in Molise dal Movimento il 4 marzo scorso.

Agostino Di Giacomo (CasaPound Italia).

Per dare una spinta al nuovo governo, basterà il Molise oppure aspetteranno per vedere se il trend molisano sarà confermato domenica prossima, 29 aprile, dalle regionali del Friuli-Venezia Giulia? A lume di naso, prevedo che al Quirinale e dintorni tireranno a campare fino ai primi di maggio.

 

 

 

Vedi anche

Nel 1992, il Corsera parlava dei nazimao del 1976!

L’etichetta “nazimaoista” ha circolato sui giornali anche parecchi anni dopo che noi avevamo sciolto “Lotta …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close