Prima / DIBATITTO / Società / Calcioscommesse e diritti televisivi: sui campi girano palloni e quattrini

Calcioscommesse e diritti televisivi: sui campi girano palloni e quattrini

Pare che Sky e Mediaset abbiano fatto un accordo per spartirsi i diritti televisivi per le stagioni calcistiche 2015, 2016, 2017 e 2018. I finanzieri hanno perquisito le sedi delle televisioni e della Lega Calcio. Per la precisione le perquisizioni sono state ordinate per: Lega nazionale professionisti, Infront Itali srl, Sky Italia srl, Reti Televisive Italiane Spa, Mediaset Spa, Mediaset Premium Spa.
Evidentemente alla Rai si sono ritenuti danneggiati dalla concorrenza e hanno innescato il procedimento. Qualcuno scommette che alla fine non si troverà niente e che un paio di funzionari dell’ente radiotelevisivo di stato ci rimetteranno la carriera.

E, a proposito di scommesse, il mondo del calcio della Serie D e della Lega Pro è sottosopra per gli arresti di giocatori, dirigenti e finanziatori ad opera della Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catanzaro. Sembra che l’inchiesta condotta dal Pm Elio Romano contempli anche imbrogli combinati in serie B e nella Coppa Italia Tim di serie A. Ovviamente, c’è di mezzo pure qualche ‘ndrina.

Le partite truccate, secondo l’inchiesta, avrebbero coinvolto le squadre di Sorrento, Akragas, San Severo, Pro Patria, Neapolis Mugnano, Torres, Barletta, Brindisi, L’Aquila, Vigor Lametia, Sant’Arcangelo, Puteolana e Montalto.

UN BUSINESS ANTICO
Il calcioscommesse è da tempo un business altamente redditizio e perciò la “tentazione” di indirizzare i risultati delle partite è molto forte e non tutti sanno resistere.
Le guardie sono andate a casa di quei giocatori, allenatori e dirigenti che si sarebbero messi d’accordo per far vincere e/o perdere gli incontri. I nomi di arrestati e perquisiti sono di dominio pubblico: basta cliccare sul web. Per parte mia non li trascrivo perché dovrei poi seguire l’andamento dei processi (se ci saranno) e riportare le assoluzioni chiedendo scusa per aver fatto il nome di questo o di quello esponente della ‘ndrangheta, di un arbitro o di un presidente di club, eccetera ecceterone.

Il dato certo è che la pratica del calcioscommesse si presta facilmente a manipolazioni. Ripeto: è troppo forte la tentazione di imbrogliare quando in gioco ci sono tanti soldi. L’avidità e la delinquenza non hanno confini e perciò pensare che si limitino alla Serie D è vera ingenuità.
Giuseppe Spezzaferro

Vedi anche

Falcone ucciso dal finestrino aperto

Sulla bretella dell’autostrada Palermo-Mazzara del Vallo, andando verso Punta Raisi, all’aeroporto intitolato a Giovanni Falcone …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close