Prima / FOCUS / Documenti / Lo Stato incassa di meno, i Comuni di più: calano Irpef, Ires e Irap; crescono Iva e Imu

Lo Stato incassa di meno, i Comuni di più: calano Irpef, Ires e Irap; crescono Iva e Imu

Le entrate tributarie del bilancio dello Stato incassate nel periodo gennaio-giugno ammontano a 188 miliardi e 110 milioni di euro. È una cifra enorme, ma è in calo rispetto al primo semestre dell’anno scorso. E se il governo Renzi non fa subito qualcosa di concreto le entrate continueranno a calare perché non si fermerà la spirale meno produzione, meno occupazione, meno incassi per lo Stato. È come per la benzina: lo Stato aumenta le accise, di conseguenza la benzina alla pompa costa di più, per cui gli italiani ne consumano di meno e così lo Stato incassa meno quattrini.

Riepilogando: il totale delle entrate è stato di 188 miliardi e 110 milioni di euro. Il totale delle imposte dirette è ammontato a 102 miliardi e 796 milioni di euro; il totale delle imposte indirette è stato di 85 miliardi e 314 milioni, dei quali Iva per 48.167 milioni, oli minerali per 12,106 milioni, tabacchi per 4.728 milioni, lotto e lotterie per 3.043 milioni di euro e altre indirette per 17 miliardi e 270 milioni di euro.

IL GIOCATORE SI METTA A LAVORARE
Rispetto al semestre 2013 è un calo generalizzato (perfino gli incassi di lotto e lotterie sono calati di 550 milioni di euro, cioè del 15,3%) onde è chiaro che il limone è stato spremuto al massimo. Un’ulteriore stretta fiscale sarebbe l’inizio del coma, perciò a Palazzo Chigi & dintorni si decidano a varare un piano di grandi lavori pubblici convincendo l’Europa che non sono spese ma investimenti. Veri investimenti e non le supercollaudate pappette che portano quattrini nelle tasche dei soliti noti. L’Europa deve convincersi che stavolta l’Italia fa sul serio e non la tradizionale manfrina italiota.
Il giocatore d’azzardo (cioè lo Stato) deve dare ampie garanzie che è guarito, che non getterà più soldi al gioco e che si è rimboccato le maniche per lavorare e pagare i debiti. Questa è la realtà. Il resto è letteratura per l’infanzia.

I CONTI DEL MINISTERO DELLE FINANZE
Nel primo semestre di quest’anno, dunque, le entrate tributarie e contributive hanno subito un calo di un miliardo e 257 milioni di euro (-0,4%) rispetto all’analogo periodo del 2013.
Il dato finale lo si ottiene con una semplice operazione aritmetica: diminuzione delle entrate tributarie pari a 1.510 milioni di euro (-0,7%) e aumento, in termini di cassa, delle entrate contributive pari a 253 milioni di euro (+0,2%). Sono cifre del Rapporto stilato dal dipartimento delle Finanze e dal dipartimento della Ragioneria generale dello Stato (www.finanze.gov.it e www.rgs.mef.gov.it).

In particolare, nel primo semestre di quest’anno, le entrate tributarie erariali accertate ammontano a 194 miliardi e 797 milioni di euro (-1.549 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, -0,8% in termini percentuali).

Calano le imposte dirette e aumentano quelle indirette (e hanno la faccia tosta di lamentarsi del calo dei consumi!). Anche qui il totale è il risultato di una semplice operazione aritmetica: imposte dirette per 105 miliardi e 291 milioni di euro (-5.191 milioni, -4,7%) e imposte indirette per 89 miliardi e 506 milioni di euro (+3.642 milioni, +4,2%).

Tra le imposte dirette calano: l’Irpef, l’Imposta sul reddito delle persone fisiche, che è scesa di 175 milioni di euro (0,2%) e l’Ires, l’Imposta sul reddito delle società, che mostra un calo del 26%, cioè 3 miliardi e 449 milioni di euro in meno; si riducono del 12,4% (–730 milioni di euro) l’imposta sostitutiva su interessi e altri redditi di capitale e del 35,9% (–496 milioni di euro) l’imposta sostitutiva sul risparmio gestito e amministrato.

AUMENTANO GLI UTILI SOCIETARI E L’IVA
Tra i gettiti in aumento segnalo il +49,5%, cioè 107 milioni di euro in più, dalle ritenute sugli utili distribuiti dalle società.
Per quanto riguarda le imposte indirette, l’Iva, l’Imposta sul valore aggiunto, ha portato allo Stato 1 miliardo e 486 milioni di euro in più, pari a +3,1%.

In quanto a Regioni e Comuni, le entrate tributarie (24 miliardi e 364 milioni di euro) hanno avuto complessivamente un incremento dello 0,4% cioè +109 milioni.
Ma a guadagnarci sono stati i Comuni, Infatti l’Irap (l’Imposta regionale sulle attività produttive) è diminuita di quasi 2 miliardi (-1.992 milioni pari a -17,6%). L’Imu, l’Imposta municipale propria, ha portato nelle casse dei Comuni 1.093 milioni di euro in più, pari al +15%. In totale l’incasso comunale è stato di ben 8 miliardi e 365 milioni.
Giuseppe Spezzaferro

Vedi anche

Sessantotto. La favolistica dell’Espresso

“Il Sessantotto” nelle pagine riciclate dell’Espresso è un calderone nel quale galleggiano gli autoincensamenti di …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close