Prima / ATTUALITÀ / Europa / Iter, cammino nucleare

Iter, cammino nucleare

Mentre in Italia ci si scontra sul nucleare, in Europa c’è chi dispone già di energia atomica e pensa al futuro. Sono anni che si discute sulla fusione: energia a basso costo e, soprattutto, pulitissima; ma ci vogliono grossi capitali e la volontà politica di accelerare. In Francia sono in partenza le gare d’appalto per Iter (International thermonuclear experimental reactor, ma il termine latino – cammino – ha preso il sopravvento) reattore deuterio-trizio. Si fa in Francia ma all’impresa partecipano Ue, Usa, Russia, Cina, Giappone, India e Corea del Sud. Questo reattore a fusione è una sperimentazione che deve fornire indicazioni sulla fisica del plasma che permetta di avere una reazione di fusione stabile. Le agenzie nazionali dei partner del progetto di costruzione, dunque, stanno per lanciare le gare d’appalto per la fase di costruzione del sito e degli impianti.

La Francia ha mezzo secolo di esperienze nel nucleare (cominciate con i reattori a gas-grafite a uranio naturale, e arrivate ai reattori di terza generazione (Epr – European pressurized water reactor). La Francia s’è conquistata a pieno titolo il diritto di impiantare al Cea (Centro per l’energia atomica) di Cadarache, il reattore a fusione nucleare sperimentale che utilizza isotopi di idrogeno. Saranno necessari 10 anni per la costruzione del progetto e altri 20 di esperimenti scientifici per dimostrare che la fusione può diventare una nuova fonte di energia affidabile. L’investimento globale fu stimato nel 2000 (quando si fece il consorzio) di 10 miliardi di euro, ma è ovvio che la cifra sarà aumentata.

L’organizzazione internazionale Iter e l’agenzia europea Fusione per l’Energia sono preposte alla progettazione, alla costruzione e all’installazione del centro di ricerca. La Missione Iter è responsabile dell’infrastruttura regionale e, infine, l’Agenzia Iter per la Francia garantisce l’interazione fra i diversi organismi coinvolti nella costruzione del progetto.

Tutte le informazioni sono disponibili su www.iterentreprises.com

Vedi anche

L’Europa piace quando porta quattrini

«Le masse non desiderano l’unificazione dell’Europa come puro fatto politico, come fatto storico, esse l’accettano …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close