Prima / ATTUALITÀ / Europa / Assediare Maastricht porta male come insegna la morte di d’Artagnan

Assediare Maastricht porta male come insegna la morte di d’Artagnan

Maastricht, antica città romana teatro nei secoli passati di guerre e assedi, è diventata nota ai più per via del trattato che obbliga gli Stati Ue (e perciò anche l’Italia) a ridurre il debito pubblico e, soprattutto, a non farne altri. La crisi esportata dagli Usa ha visto molti “sapientoni” e altrettanti “sciocchini” schierarsi contro il trattato di Maastricht per ottenere mani libere e superare così il disastro facendo altri debiti.
Ovviamente sintetizzo un tema molto più complicato ma non è questo il luogo per parlare di economia (e di pseudoeconomisti). Questo spazio lo voglio dedicare a d’Artagnan. Sì, all’eroe di tanti sogni adolescenziali (inclusi i miei) uscito dalla prolifica penna di Alessandro Dumas (padre).

L’intrepido e valoroso moschettiere dei romanzi fu un combattente anche nella realtà.
Ho ripensato a lui, oggi pomeriggio, perché ho visto su RaiMovie un film francese dal titolo strabiliante: “La figlia di d’Artagnan”.
Stravaccato sul divano – condizione abituale da quando sono disoccupato – ho deciso di sorbirmi il polpettone in costume. In effetti, i film cosiddetti “storici” mi piacciono a tal punto che ho visto perfino gli Ercole contro Maciste e i 300 della nascita dell’impero.
Preferisco un brutto film di cappa e spada ad una incensata pellicola con drammi introspettivi e penose tragedie personalfamiliari.
Sono rimasto un provinciale e a cinema ci vado per rilassarmi e per divertirmi e non per farmi spiegare come funzionano l’incomunicabilità o l’alienazione oppure la psicologia di un’anima in pena.

Il film mi ha piacevolmente sorpreso. La figlia di d’Artagnan (Sophie Marceau), il famoso moschettiere avanti con gli anni (Philippe Noiret) e un bizzarro cardinal Mazzarino (Gigi Proietti) in compagnia di attori e caratteristi di buon livello hanno dato vita (regia di Bertrand Tavernier) ad un racconto umoristico con risvolti di critica politica (godibilissima la scena con i congiurati che litigano per avere ministeri e prebende mentre il re (Luigi XIV, quello dello «Stato sono io») è ancora vivo.

Alla fine del film, per quegli strani meccanismi mediante i quali il cervello collega i file m’è venuto in mente l’assedio di Maastricht che vide la morte di un ardimentoso ufficiale dei moschettieri. Sono andato a riguardarmi la data e, guarda la combinazione, l’assedio è del giugno 1673. Trecentoquarantuno anni fa.

Per conquistare Maastricht i moschettieri non si risparmiarono e occuparono le posizioni olandesi in nome del re di Francia, ma il loro comandante fu colpito a morte da un colpo di moschetto. Era il 25 giugno e quell’ufficiale si chiamava Charles de Batz-Castelmore, conte d’Artagnan.
Assediare Maastricht fu letale per il moschettiere. Ci pensino gli assedianti di oggi.
Giuseppe Spezzaferro

Vedi anche

L’attentato di Istanbul e il business della morte

Cosa si può fare per fermare una persona imbottita di tritolo decisa a farsi esplodere? …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close