Prima / ATTUALITÀ / Economia / Mediobanca va sul web

Mediobanca va sul web

“CheBanca!” è il nuovo istituto retail e online di Mediobanca, con amministratore delegato Christian Miccoli. Secondo il consigliere delegato Alberto Nagel, il mercato dell’internet banking passerà dagli attuali 8 ai 16 milioni di clienti nei prossimi cinque anni. L’ossatura principale della nuova creatura si articolerà su un sito internet che si propone – ha spiegato Miccoli – di essere “diretto, semplice, senza tecnicismi, con percorsi guidati e calcolatori di guadagno per offrire a chi naviga la libertà di scegliere sempre il meglio”.

“CheBanca!” ha anche una struttura fisica: sono operative 9 filiali che nel giro di 3 anni arriveranno a 110. La filiale non ha barriere fisiche, ha spiegato Miccoli, in modo che il cliente possa sedersi al fianco del bancario e seguirne sulle schermo le operazione che potrà così ripetere comodamente dal proprio pc di casa. I prodotti si articolano su quattro settori: conto deposito che garantirà interessi anticipati (fino al 4,7% lordo all’anno) e nessun costo. Quindi il conto tascabile: ovvero un bancomat e una carta di credito a tutti gli effetti, valida in Italia e all’estero, ma che è dotata di un codice Iban che permette di offrire tutti i servizi di un conto corrente, dai bonifici alla domiciliazione delle bollette. Il tutto senza commissioni e al costo di 1 euro al mese. Il conto corrente vero e proprio, invece, costa sempre 1 euro al mese e non prevede spese né commissioni. Infine, il capitolo mutui anche in questo caso, erogati senza costi iniziali.

“Abbiamo investito in CheBanca! oltre 100 milioni di euro – ha detto il presidente del consiglio di gestione Renato Pagliaro – e contiamo di raggiungere il break even in 3 anni, al termine dei quali prevediamo di avere 400mila clienti, 13 miliardi di euro di raccolta, 8 di impieghi e 200 milioni di ricavi”. Il lancio di CheBanca!, sarà sostenuto da una campagna pubblicitaria multimediale che si concluderà a fine giugno.

Vedi anche

Il fabbisogno statale scende a 60 miliardi grazie all’aumento della spremitura fiscale

C’è un momento nel quale la spremitura fiscale comincia a dare meno frutti perché si …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close