Prima / ATTUALITÀ / Economia / La Cgia spinge verso il federalismo fiscale

La Cgia spinge verso il federalismo fiscale

In Italia su ogni 100 euro di imposte il 78,1%, quasi tre quarti, va allo Stato e il 21,9% va alle amministrazioni locali. Più equilibrata la situazione in Spagna, 53,9% allo Stato e 46,1% agli enti locali con la Germania molto federalista, 49,2% a Stato e 50,8% ai “laender”. In Francia la situazione cambia con 59,9% di imposte allo Stato, 17,5% alle amministrazioni regionali infine un 22,9% agli enti di previdenza dal momento che in questo Paese è la fiscalità a finanziare il sistema. “In materia di federalismo fiscale – ha spiegato Giuseppe Bortolussi, direttore della Cgia di Mestre che ha pubblicato i dati – siamo, tra i grandi Paesi dell’area dell’euro, agli ultimi posti”.

“In termini reali – ha aggiunto – a fronte di 432,1 miliardi di euro di entrate tributarie totali registrate nel 2006, 337,4 vanno all’erario e solo 94,6 miliardi alle amministrazioni locali. Ciò vuol dire che l’autonomia fiscale dei nostri territori, rispetto ai principali competitori, è ridotta al minimo”. “La cosa che ci preoccupa di più – ha proseguito Bortolussi – è che dalla lettura di questi dati emerge una corrispondenza lineare tra il livello di centralismo e la pressione tributaria. Ovvero, la quantità di imposte, tasse e tributi che i contribuenti versano in percentuale del Pil è direttamente proporzionale al grado di centralismo fiscale. Infatti, a fronte di un centralismo fiscale che come dicevamo è pari in Italia al 78,1% subiamo una pressione tributaria del 29,2%”. Che è la più alta tra i Paesi messi a confronto. La Germania, invece, che presenta un gettito fiscale nazionale del 49,2%, ha una pressione tributaria solo del 23%. Idem la Spagna. A fronte di una percentuale di entrate centrali pari al 53,9, registra una pressione tributaria del 24,5%. Solo la Francia è un po’ in controtendenza rispetto ai tre Paesi appena analizzati. Pur avendo un’autonomia impositiva degli enti locali più contenuta della nostra presenta, però, una pressione tributaria del 27,4 %. Ben più alta di quella tedesca e spagnola ma più contenuta di quasi 2 punti rispetto a quella italiana. Ciò vuol dire che pur essendo uno stato centralista la sua macchina statale funziona meglio ed è più efficiente, ad esempio, della nostra.

Va pur ricordato – conclude la CGIA di Mestre – che in questo ultimo decennio l’Italia è stato uno dei Paesi in Europa dove l’autonomia fiscale degli enti locali ha registrato gli incrementi maggiori. “Purtroppo – conclude il direttore – ciò non è ancora sufficiente. Io credo che solo trattenendo sempre più sul territorio le risorse erogate dai contribuenti e avvicinando i centri di spesa ai cittadini, si possa rispondere meglio alle esigenze di questi ultimi rendendo gli amministratori locali più responsabili e più virtuosi. Tutto ciò con l’obbiettivo di migliorare i nostri conti pubblici”. L’Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre (Cgia) nata nel 1945 per aggregare quelle ditte che avevano bisogno di un certo tipo di servizi e di tutela sindacale non è evidentemente né di centrodestra né tantomeno leghista. La spinta, quindi, verso il federalismo fiscale è per questo più forte e credibile.

Vedi anche

La Banca d’Italia non stampa soldi e non vigila. Ma a cosa serve?

La Banca d’Italia stampava moneta e vigilava sulle banche. La prima funzione è scomparsa da …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close