Prima / ATTUALITÀ / Economia / Le banche ingabbiano la ripresa serve una grossa lima

Le banche ingabbiano la ripresa serve una grossa lima

Forse uno sguardo a quanto “pesino” le banche nei Paesi dell’area euro può aiutare a capire meglio le dinamiche in corso. Mi limito a riportare una tabella pubblicata su www.les-crises.fr elaborata da Olivier Berruyer su dati della Banca centrale europea e di Eurostat, l’istituto statistico Ue.
La tabella è aggiornata a gennaio scorso e riporta le dimensioni del settore bancario nell’eurozona in rapporto al Prodotto interno lordo (Pib, Produit intérieur brut) di ciascun Paese.

banche eurozona

In testa, ovviamente, c’è il Lussemburgo che, per certi versi, è un “paradiso fiscale”: il rapporto tra il “peso” delle banche e il Pil è del 2.170%!

Malta, Cipro e Irlanda sono tre Paesi la cui forza economica non giustifica affatto la presenza tanto massiccia delle banche. Rispettivamente sono al 790, 707 e 706%.
La media dell’eurozona è del 346% e l’Italia è al 268%.

Faccio presente che i “guai” delle banche influenzano negativamente l’economia reale, per cui un Paese come Cipro, per esempio, può da un momento all’altro sprofondare visto che il settore bancario è grande il 707% del Pil.

Per avere un’idea del cataclisma, è sufficiente vedere cosa stanno combinando le banche in Italia dove pesano “soltanto” il 268% del Pil.
Non riparte nessuna economia reale, non si crea occupazione, non c’è ripresa dei consumi se non si interviene sulle banche.

Senza dirigismi sovietici o programmazioni stataliste, beninteso. Il denaro è apolide, scappa altrove se s’accorge che gli vuoi mettere il collare. Perciò occorrono misure riequilibratrici e non punitive.

Quali? Cominciamo a separare sul serio le banche d’affari da quelle commerciali. Il resto verrà da sé.
Giuseppe Spezzaferro

Vedi anche

Quale Europa. E come.

L’Europa è, oggi, una cosa troppo seria per lasciarla in mano a burocrati di Bruxelles o …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close