Prima / FOCUS / Segmenti / Vesuvio, ricicciano gli stereotipi antinapoletani

Vesuvio, ricicciano gli stereotipi antinapoletani

Sulla California incombe The Big One, cioè il terribile terremoto che, secondo uno studio americano del 2005, squasserà uomini e cose entro il 2035. Nel frattempo ci sono i “soliti” terremoti causati dalla Faglia di Sant’Andrea che abbiamo imparato a conoscere dai film catastrofici statunitensi. Migliaia le città a rischio a cominciare da San Francisco e Los Angeles.
Non mi pare che in quell’area non si costruisca più o ci sia un calo di popolazione.

In Giappone i terremoti fanno parte da millenni della vita quotidiana. I giapponesi li hanno affrontati costruendo case di legno e carta. Grazie all’evoluzione delle tecniche di costruzione, oggi anche i grattacieli sono antisismici.
La popolazione sa cosa fare in caso di terremoto e le strutture di emergenza sono pronte ad intervenire.

Il caso americano e quello nipponico dimostrano che lo spettro del terremoto non impedisce alle persone di mettere su casa e costruirsi un futuro.
Perché quando si parla del Vesuvio tornano i soliti stereotipi del napoletano fatalista? In base a quale nozione, l’americano che vive a Los Angeles e il giapponese che vive a Kobe sono “normali” e l’abitante di Pompei non lo è?

La vera differenza con Usa e Giappone sta nell’organizzazione dei piani di emergenza, nella predisposizione di percorsi di evacuazione. Insomma, il difetto sta nel manico. Ed è vergognoso colpevolizzare chi vive e lavora a Boscotrecase.
Puntano il dito e dicono ad alta voce: «È pazzo chi s’insedia alle pendici del Vesuvio» e allo stesso tempo pensano: «Se muore sotto l’eruzione, se l’è proprio cercata».

E ci sta anche qualcuno che non vede l’ora di provare l’emozione di una eruzione guardando Youtube.
Una volta un filosofo-poeta disse che la gente guarda il funambolo con gli occhi in aria sperando che si sfracelli al suolo. Aveva torto?
Giuseppe Spezzaferro

Vedi anche

Ciascuno ha il proprio Rubicone

“Passare il Rubicone” qualche giornalista ancora lo scrive per sottolineare l’irrevocabilità di una decisione presa, …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close