Prima / ATTUALITÀ / Economia / Ocse, l'Italia deve studiare

Ocse, l'Italia deve studiare

Il “Going for growth” 2008 dell’Ocse (L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici) indica 5 priorità per l’Italia: aumentare la produttività del lavoro abbattendo le barriere alla competitività; più istruzione terziaria; ridurre il peso delle tasse e dei contributi pensionistici sui salari medio-bassi; migliorare la corporate governance e applicare le “gabbie salariali”.

Presentato a Parigi (la sede dell’Ocse) il rapporto registra che l’Italia, per ricchezza pro capite, sta meglio di Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia. Insomma, l’Italia è ultima nell’Europa “ricca”.

Secondo l’Ocse, inoltre, sono fondamentali la privatizzazione dei servizi pubblici locali e l’abolizione degli ordini (avvocati, notai, ingegneri etc.).

La strategia di recupero, però, parte da prima e cioè dall’educazione, che resta il buco nero italiano.

Negli anni scorsi, l’Ocse aveva già indicato gli step essenziali: aumentare i tassi di educazione terziaria e migliorare l’insegnamento universitario e la qualità della ricerca; legare le carriere degli insegnanti alle performance; introdurre forme di rimborso per gli studenti e aumentare la presenza di personale internazionale. Oggi, conclude l’Ocse, in questo settore “non sono ancora state prese misure significative”.

Tra le 5 priorità c’è migliorare la corporate governance, incoraggiando l’innovazione e la ristrutturazione ed estendendo la riforma della legge sulla bancarotta anche alle piccole imprese e rendere i salari più flessibili, applicando le cosiddette “gabbie salariali” e riducendo le disparità regionali dell’utilizzo del lavoro. L’Ocse bacchetta: “Era stato raccomandato di promuovere una decentralizzazione dei salari tenendo conto delle differenze di produttività e di costo della vita. Ma anche qui nessuna azione è stata intrapresa”.

Vedi anche

Il fabbisogno statale scende a 60 miliardi grazie all’aumento della spremitura fiscale

C’è un momento nel quale la spremitura fiscale comincia a dare meno frutti perché si …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close