Prima / DIBATITTO / Società / Contrordine signiori, non venghino

Contrordine signiori, non venghino

Pareva proprio la volta giusta. La staccionata era stata rimossa, il manufatto imballato alla meno peggio e una sottile grata metallica intorno all’area.
L’aiuola era una schifezza e le putrelle spiccavano sotto il mantello, ma il gran giorno era arrivato.
Il 30 settembre, come prometteva il cartellone più volte aggiornato, sarebbe stato il giorno della verità. Gli aggiustamenti, i rifacimenti, le dorature, il cesello del volto, l’inclinazione più consona alla postura di una figura umana e il magnifico giardino fiorito avrebbero fatto accettare ai romani il bidone pomposamente chiamato “omaggio al Papa”?
Ai donatori (sì, il bidone è un regalo) è stato dato tutto il tempo, i lavori erano cominciati a gennaio, necessatio a mettere riparo ed offrire a Roma qualcosa che almeno non sfigurasse.

L’indimenticabile Giovannino Guareschi aveva inventato una vignetta intitolata “OBBEDIENZA PRONTA, CIECA E ASSOLUTA” che riportava sempre la frase “Contrordine compagni”. Una specie di tormentone ante litteram.
Eccone qualche esempio:

Contrordine compagni! La frase pubblicata dall’Unità: “Occorre allattare i fascisti di sinistra perché entrino nel P.C.I.”, contiene un errore di stampa, e pertanto va letta: “Occorre allettare i fascisti di sinistra perché entrino nel P.C.I.”.

Contrordine compagni! La frase pubblicata sull’Unità: ‘Bisogna fare opera di rieducazione dei compagni insetti’, contiene un errore di stampa e pertanto va letta: ‘Bisogna fare opera di rieducazione dei compagni inetti’.

Contrordine compagni! La frase pubblicata sull’Unità: “Per controbattere la delittuosa propaganda clericale, ogni sezione provveda a creare un asino infantile”, contiene un errore di stampa e pertanto va letta: “…provveda a creare un asilo infantile” (è il testo della vignetta che pubblico).

Se ci fosse stato Guareschi quante vignette avrebbe disegnato sullo spaventevole “omaggio al Papa” montato davanti alla Stazione Termini nonché sui tira e molla della seconda inaugurazione di là da venire?
Giuseppe Spezzaferro

Vedi anche

Intellettuali, non prendetevela con il popolo-bue

Ci sono troppi intellettuali in giro che se la prendono con il popolo-bue perché corre …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close