Il Filo dell'Attualità

50° Lotta di Popolo. Leo Valeriano a Legge per Jan Palach

Il 19 gennaio del 1969, Jan Palach, studente cecoslovacco di Filosofia all’Università Carlo IV di Praga, si cosparse di benzina sulla scalinata del Museo Nazionale in piazza San Venceslao e si diede fuoco. Aveva deciso di compiere quel gesto estremo per dare forza alla protesta popolare contro l’invasione sovietica. Non …

Leggi tutto »

18 febbraio 1984: Craxi firma il Nuovo Concordato

Il 18 febbraio del 1984, a Roma, nella splendida Villa Madama, l’allora presidente del Consiglio Bettino Craxi firmò la revisione dei Patti Lateranensi (v. https://internettuale.net/3011/11-febbraio-1929-mussolini-firma-la-pace-con-il-papa). Il Nuovo Concordato apportava sostanziali modifiche a quello firmato nel 1929. Scatenò polemiche roventi, come sempre accade quando si fa una qualsiasi riforma, ma Craxi …

Leggi tutto »

Il sensazionalismo uccide l’informazione corretta

Sulla rete, c’è un continuo scambio di informazioni, di immagini, di filmati. Ciascuno può condividere con l’universo mondo una opinione, un giudizio su un film e quant’altro gli venga in mente. E’ tutto free, senza prezzo (almeno all’apparenza, ma questo è un altro tema) nonché di enorme fascino: soddisfa la …

Leggi tutto »

11 febbraio 1929: Mussolini firma la pace con il Papa

Novant’anni fa, l’11 febbraio del 1929, l’Italia e la Santa Sede firmarono la pace dopo circa sessant’anni dall’occupazione di Roma ad opera dell’esercito italiano. Il Papa di allora, Pio IX, si autorecluse in Vaticano: fu il 163° e ultimo sovrano, l’ultimo Papa-Re, dello Stato Pontificio, creato più di mille anni …

Leggi tutto »

50° Lotta di Popolo. La battaglia a favore del nucleare

Cinquant’anni fa e precisamente il 6 febbraio del 1969, a Roma, all’Università “La Sapienza”, nella Facoltà di Giurisprudenza occupata, si svolse un confronto sul Tnp, il Trattato di non proliferazione (nucleare), tra alcuni esperti da noi invitati e gli studenti. L’armamentario nucleare mondiale è tornato d’attualità da quando il presidente …

Leggi tutto »

50° Lotta di Popolo. Gli inizi a Roma, all’Università

Cinquant’anni fa nasceva Lotta di Popolo, il movimento che poi assumerà la denominazione di OLP- Organizzazione Lotta di Popolo. Il tam tam giornalistico, ispirato dalle intellighenzie poliziescosinistrorse, ci definì “nazimaoisti” e con questo marchio entrammo (e ci siamo rimasti) nella pubblicistica corrente. Ci hanno anche definito “provocatori”, “fascisti camuffati da …

Leggi tutto »

Le tribù politiche come quelle primitive

C’è poco da vantarsi di vivere in questa società del Terzo Millennio, con animalisti, vegani, pacifisti, accoglisti (quelli che a parole accolgono tutti: cani abbandonati, immigrati, tossici, balene spiaggiate…), il fatto è che le regole della politica rimandano a quelle delle società primitive. Nella tribù, lo stregone mangiava a sazietà, …

Leggi tutto »

Quirinale confusionario. Mattarella commemora Alessandrini

Capita troppo di frequente che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella dica cose fuor di luogo. Chi gli scrive i discorsi dovrebbe andarci più cauto. Meno male che blog e imitatori vari lo lasciano in pace, sennò il Quirinale diventerebbe un’altra Casamicciola. L’ultima uscita confusionaria è di oggi, martedì 29 …

Leggi tutto »

Venezuela. Fortuna che il governo italiano sia diviso

Come finirà in Venezuela? Con una rivoluzione? Poco probabile giacché la gran parte del popolo è per il presidente in carica Nicolas Maduro. Con un golpe? Più probabile data l’influenza statunitense sugli alti gradi militari venezuelani, ma con l’alto rischio che i gradi intermedi e la truppa non eseguano gli …

Leggi tutto »

Il Sole causa i mutamenti climatici

Solita solfa sui media: l’uomo non rispetta la natura e la Natura si ribella. In questi giorni di freddo polare, i cambiamenti climatici sono diventati l’argomento del giorno. Ovviamente nessuno parla delle conclusioni dei ricercatori dei tanti Consigli nazionali di ricerca in Canada, negli Usa e nella stessa Italia sugli …

Leggi tutto »

Unesco, escono Usa e Israele. Entra Lino Banfi

Lino Banfi è il rappresentante del ministero dello Sviluppo economico nella Commissione Unesco. Prende il posto del documentarista Folco Quilici, morto quasi un anno fa. Non appena Luigi Di Maio, nella veste appunto di ministro dello Sviluppo economico, ha dato l’annuncio, dalle sinistre italiane sono partiti i treni di lamentazioni e …

Leggi tutto »

Il petrolio costa meno e a noi la benzina costa di più

Paghiamo fior di quattrini per i carburanti (benzina, gasolio, gas…). Perché? A causa forse del ricatto energetico da parte dei “cattivi” arabi? O sono le prepotenti multinazionali che ci strangolano imponendo prezzi esorbitanti? Nient’affatto. È un “complotto” tutto nostrano, organizzato tra lo Stato che si ciuccia ben 17 accise (qui …

Leggi tutto »

Gli Europei osservano le tende degli Arabi

La prima volta che si parlò di europei fu per contrapposizione. L’identità può anche essere il risultato di un “non”. Tanto per cominciare. Per i Greci erano “barbari” tutti gli altri. E le identità greche erano quasi costantemente nemiche tra loro. L’identità ateniese non aveva alcunché in comune con la …

Leggi tutto »

I professionisti dell’antifascismo: Salvini nazista

Matteo Salvini, ministro dell’Interno (troppi giornalisti perseverano nell’errore e scrivono “degli Interni”), vicepresidente del Consiglio dei ministri nonché capo indiscusso della Lega, è stato accusato di aver ripetuto una frase di Adolf Hitler è perciò di essere filonazista. La stronzata (mi scuso, ma non trovo termini meno volgari) è stata …

Leggi tutto »

I soldi pubblici alimentano la macchina del consenso

Spulciare a uno a uno i bilanci pubblici è l’unica fatica che varrebbe la pena di fare. Ma non si fa. Ciascun politico ha i propri clienti da tutelare. A Roma, per esempio, ci sono migliaia di appartamenti e palazzi che appartengono al Comune e dai quali il Comune ricava …

Leggi tutto »

La globalizzazione e la sagra della carruba

La parte peggiore della globalizzazione, quella che non si vede di primo acchito, è l’omologazione, la versione diabolica della standardizzazione di produzione e consumo. La fine delle ideologie è stata vista come una liberazione dalla schiavitù, ma a morire è stata soprattutto la politica. In Italia, il decesso è stato …

Leggi tutto »

Italiani allo stadio terminale

L’anima degli italiani è allo stadio terminale. Viviamo in una società pericolosamente segnata dal vuoto, come hanno appurato i ricercatori di organizzazioni come l’Istituto di studi politici, economici e sociali (Eurispes) e il Centro studi investimenti sociali (Censis). A prevalere sono i comportamenti individuali stimolati da un egoismo autoreferenziale e …

Leggi tutto »

Evola: Washington e Mosca sono uguali. E anche Pechino

Lo scontro Occidente-Oriente è una bufala, acclarato che “questo” Occidente e “quello” Oriente non sono più i contenitori di culture alternative. Entrambi i “massimi sistemi” sono arrivati alla stessa meta perché fondati su principii soltanto in superficie opposti. Si sono dunque moltiplicati gli sforzi per ricercare una “via” da percorrere, …

Leggi tutto »

Craxi nel 1997: l’Europa ha bisogno dell’Italia

Martedì 3 giugno 1997, il quotidiano “l’Avanti!” pubblicava in prima pagina un breve “promemoria” di Bettino Craxi intitolato “Rinegoziare Maastricht”. Eccolo: Le elezioni inglesi e francesi parlano sin troppo chiaro. Non è messa in discussione la costruzione europea ma il tracciato che si stava seguendo, socialmente disastroso. Non ci sono …

Leggi tutto »

Combattere per l’Europa

«Le masse non desiderano l’unificazione dell’Europa come puro fatto politico, come fatto storico, esse l’accettano nella misura in cui ne deriveranno – e toccherà fare loro una convincente dimostrazione – la diminuzione del prezzo delle automobili o l’aumento del potere d’acquisto… Bisogna essere ingenui per organizzare “referendum” per sapere se …

Leggi tutto »

Questo sito utilizza i cookies. Se accetti o continui nella tua visita, consenti al loro utlizzo .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close